lunedì 11 ottobre 2004

[volevamo un cielo stellato]

Volevamo un cielo stellato alle due del pomeriggio.
Ho preso un asciugamano blu scuro e l'ho tenuto teso sopra le nostre teste. Le bocche vicine, i respiri si confondevano nell'odore leggero di mughetto. La luce ha iniziato a filtrare dalle maglie del cotone, formando una miriade di stelle di molte dimensioni diverse, distribuite con la stessa disordinata perfezione che fa riconoscere l'impronta di un demiurgo.
Girammo su noi stessi per un po', gli occhi negli occhi, le stelle diventavano sciami di linee ai confini del campo visivo.
Le nostre Perseidi artificiali, i nostri desideri

Nessun commento: